LE STORIE I DOCUMENTI GLI ARCHIVI
< RITORNA

I DOCUMENTI

Il Museo Nazionale della Tecnica

SFOGLIA

Si tratta del testo integrale della relazione con cui l’ingegner Guido Ucelli, fondatore del Museo Nazionale della Tecnica e dell’Industria - poi Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica - di Milano, accompagna lo statuto della nuova istituzione, illustrandone scopi e idealità. La Fondazione Museo Nazionale della Tecnica e dell’Industria viene istituita a Milano il 10 ottobre 1942. Il 13 novembre 1942, malgrado gli eventi bellici, Guido Ucelli presenta al capo del Governo il museo e i suoi programmi; il duce dispone che la nuova istituzione assuma la denominazione Museo Nazionale della Tecnica. Già nel 1928 Mussolini aveva indirizzato al presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche Guglielmo Marconi un messaggio programmatico in cui rilevava: “Occorre sistemare in Italia laboratori di ricerca bene attrezzati e Musei viventi, dove i progressi della scienza, della tecnica e della industria siano resi evidenti. Un Paese non spende invano in queste opere di progresso”. Il dibattito agitava il mondo istituzionale, intellettuale ed imprenditoriale fin dagli inizi del Novecento. All’estero musei dedicati alla scienza, alla tecnica, alla tecnologia in grado di fornire un ulteriore impulso alla produzione industriale esistevano da tempo: in Francia il Conservatoire des Arts et Métiers di Parigi era stato fondato addirittura nel 1794; in Inghilterra il South Kensington Museum di Londra – oggi Science Museum – nel 1857; il Deutsches Museum di Monaco, in Germania, risaliva al 1903. A Milano, dove si concentravano le attività produttive, un dibattito intorno a questi temi si era sviluppato a partire dal 1906, data dell’Esposizione Universale di Milano. Nel 1930 la volontà del podestà della città Visconti di Modrone di fondare un Museo Industriale riscontrò, fra l’altro, l’interesse dell’ingegner Guido Ucelli, amministratore delegato della Ditte Riunite A. Riva e A. Calzoni, che alla costituzione di una simile istituzione si interessava fin dai tempi degli studi al Politecnico di Milano. Come abbiamo visto, occorreranno più di dieci anni per arrivare alla sua realizzazione nel 1942, l’appoggio fondamentale di Guglielmo Marconi e tutta la caparbietà di Guido Ucelli. Bisognerà infine aspettare il 1953 perché il museo trovi finalmente una sede, presso l’ex convento olivetano di via San Vittore, dove si trova ancora oggi.

COLLOCAZIONE

Archivio storico Museo della Scienza e della Tecnologia / Fondo CNR

TEMA

Beni Culturali, Istituzioni

AUTORE

Guido Ucelli

LUOGO

Roma

DATA

1942

La storia nel documento

copyright © 2013 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" tutti i diritti riservati

Avvertenze legali e privacy
Crediti